I treni ad altà velocità in Europa

A che punto è l’alta velocità? Un’infografica pubblicata dal sito della CNN mostra il reale stato dei binari dove corrono i treni superveloci in Europa. Comparando tra loro i servizi e il numero di passeggeri che ogni anno se ne servono. Per alta velocità si intendono binari dove i treni viaggiano a più 250 km orari.

Clicca sulla foto per ingrandirla

La mappa mostra i binari già attivi, tra cui l’alta velocità italiana da Salerno a Torino, o la tratta Siviglia-Barcellona in Spagna e la Parigi-Marsiglia in Francia. I binari tratteggiati dovrebbero essere costruiti da qui al 2025: tra questi appare la tratta Torino-Lione, alla cui realizzazione si oppongono i movimenti No-Tav.

Il record dell’alta velocità va alla Francia con 114 milioni di passeggeri ogni anno. In Germania invece il treno veloce è un affare da 73 milioni di passeggeri ogni anno. L’Italia con poco più di 33 milioni di passeggeri fa meglio di Spagna (poco più di 28 milioni) e Gran Bretagna, dove l’alta velocità dei treni è ancora da farsi.

Il grafico in blu mette a confronto la rete ferroviaria dei vari paesi europei in base ai chilometri già coperti dalla TAV e a quelli in programma. Vince la Spagna che sul suo territorio ha una rete di 2056 km di binari per i treni veloci. Seguono Francia (circa 1900 km), Germania (1285 km) e Italia quarta con 923 km di binari veloci (più altri 400 in programma).

Tra le curiosità, scopriamo infine che il primo binario ad alta velocità europeo fu inaugurato proprio in Italia, tra Firenze e Roma nel 1978 (14 anni dopo quello Tokio-Osaka). E che il record mondiale di velocità è invece francese con un treno lanciato a 574 km l’ora nell’aprile del 2007 (ma la velocità media del TGV non supera i 320 km orari).